Login

Prenotare online case vacanza in Abbateggio su atraveo

  • Le migliori in Italia
    6.109 offerte

  • Italia | Vacanze con una piscina tutta per sé
    5.186 offerte

  • Italia | Quel certo non so che
    90 offerte

  • Italia | Vacanze in una tenuta agricola
    688 offerte

  • Roma | Viaggio nella città eterna
    5 offerte

  • Italia | Ville per viaggi in gruppo
    121 offerte

  • Italia | Giochi in acqua nei parchi vacanze
    6.234 offerte

  • Italia | Vacanze in un vigneto
    377 offerte

http://www.atraveo.it//abbateggio
Link da copiare
La sezione della mappa è stata modificata.
Ricaricare automaticamente
Perché non sono visualizzate tutte le offerte? 
map

Recensioni della località

Recensione complessiva su Abbateggio

4,0 su 5 (1 Recensione del cliente)
Recensire questa località

Alcuni clienti di case vacanza hanno scritto questo su Abbateggio 

  • 4,0 su 5
    Un ospite ha scritto
    in data 16/11/2013, periodo del viaggio: giugno 2013

    «Negozi per fare commissioni 7 chilometri. In questa città non siamo stati continuato. Nel Majella e l'altro l'Abruzzo è molto da scoprire in termini di passeggiate e ammirare la natura. Per questo, hanno bisogno proprio mezzo di trasporto.»

    Questa recensione sulla località è stata espressa sulla sistemazione Nr. 832440. La recensione della località è stata tradotta automaticamente dall'olandese. Torna alla lingua originale


Alcuni locatori di case vacanza hanno scritto questo Abbateggio

Abbateggio si trova sulle pendici settentrionali della Majella. Il centro abitato di Abbateggio, sede comunale, si trova a 450 metri sul mare in bella posizione panoramica con vista che spazia dal Massiccio del Gran Sasso sino al mare Adriatico. Il comunale ha una superficie occupata da oltre due terzi dal ...
mostrare di più
Parco nazionale della Majella.
Cenni storici
La Valle Giumentina fu abitata sin dal paleolitico, come testimoniano gli interessanti ritrovamenti, effettuati dal prof. Antonio Mario Radmilli dell’Università di Pisa, di manufatti derivanti dalla lavorazione di ciottoli. La particolarità di questa lavorazione e l’abbondanza di reperti hanno fatto di questo sito uno dei più importanti in Abruzzo per lo studio della paletnologia, tanto che la fase più recente dell’industria clactoniana (selci lavorate a percussione su incudine, con piano di percussione inclinato rispetto a quello di distacco) viene definita appunto facies di Valle Giumentina.

Le origini dell’abitato attuale sembra possano farsi risalire agli anni immediatamente successivi alla fondazione del monastero di San Clemente a Casauria ad opera di Ludovico II (871 d.C.).

Il toponimo pare derivi dal nome personale proprio Badeius anche se in merito non v’è alcuna certezza. Secondo il Prof. Marcello De Giovanni, eminente studioso della materia “è la sola proposta di un certo fondamento che riusciamo ad avanzare per questo nome locale fino ad oggi irrisolto ed unico nella toponomastica italiana”.

Tra i feudatari che si sono avvicendati nel corso dei secoli ricordiamo: Riccardo Trogisio (1140), Bertrando del Balzo (1269), Corrado Acquaviva, Agnese de Trogisio (1355), Giovanni de Ursinis (1382). Nel 1390 Abbateggio risultava in potere del Regio Demanio mentre nel 1479 ne era feudatario Giovanni Luigi Fieschi di Genova. Il 18 aprile 1487 il re Ferdinando I d’Aragona dona il Contado di San Valentino, comprendente, oltre la stessa San Valentino, Pianella, Bacucco (l’attuale Arsita) Abbateggio e il Casale di Cusano (attualmente frazione di Abbateggio), a Organtino de Ursinis. Tale concessione fu confermata nel 1507 al figlio Francesco de Ursinis che però vendette il contado a Giacomo de Phrigiis Penatibus della Tolfa, avo di quel conte Carlo che, il 3 febbraio 1583 vendette la proprietà a Margherita d’Asburgo (detta Margherita d’Austria), moglie di Ottavio Farnese duca di Parma e Piacenza. Il Castello di Abbateggio rimase proprietà dei Farnese sino al 1731 quando, con l’estinzione del casato farnesiano, il Ducato di Parma e Piacenza passò a Carlo III di Borbone, figlio del re di Spagna Filippo V e di Elisabetta Farnese. Da questo momento in poi il nostro paese ritorna sotto il dominio del Regno di Napoli.

Durante i moti del 1799 le masse di Abbateggio si unirono a quelle dei paesi limitrofi sotto la guida del capo-massa sanfedista Francesco Paolo De Donatis per combattere contro i francesi della repubblica Partenopea e favorire la restaurazione dei Borbone. I briganti furono però sconfitti ed annientati dalle truppe francesi nei dintorni di Manoppello.

Come comune indipendente, Abbateggio venne soppresso nel 1929 nell’ambito della riorganizzazione amministrativa voluta da Mussolini che lo riunì sotto un’unica giurisdizione assieme a San Valentino e Roccamorice.
Il comune di Abbateggio venne ricostituito nel 1947.

Abbateggio ha dato i natali a Mariano d’Abbateggio, monaco celestino, che fu generale della sua congregazione e profondamente edotto in filosofia e teologia; venne nominato governatore della città dell’Aquila nel 1317.
Fonte: Comune di Abbateggio
mostrare meno
fonte: Di Gregorio

Foto della località

PGRpdiBjbGFzcz0iaGlkZSI+CQkJCTxpbWcgaGVpZ2h0PSIxIiB3aWR0aD0iMSIgc3R5bGU9ImJvcmRlci1zdHlsZTpub25lOyIgYWx0PSIiIHNyYz0iLy9nb29nbGVhZHMuZy5kb3VibGVjbGljay5uZXQvcGFnZWFkL3ZpZXd0aHJvdWdoY29udmVyc2lvbi8xMDM4Mzk0MTU3Lz92YWx1ZT0wJmFtcDtndWlkPU9OJmFtcDtzY3JpcHQ9MCZkYXRhPXBhZ2VJZCUzRHNlYXJjaFJlc3VsdHMlM0J0cmF2ZWxDb3VudHJ5SWQlM0RJVCUzQmxhbmd1YWdlJTNEaXQiIC8+PC9kaXY+Cgo8ZGl2IGNsYXNzPSJoaWRlIj4JCQkJPHNjcmlwdCB0eXBlPSJ0ZXh0L2phdmFzY3JpcHQiPgoJCQkJCWlmICh0eXBlb2YgQVRJdGFnICE9ICd1bmRlZmluZWQnKSB7CgkJCQkJCUFUSXRhZy5wYWdlLnNldCh7Im5hbWUiOiJzZWFyY2hSZXN1bHRzIiwibGV2ZWwyIjo4fSk7CgkJCQkJCUFUSXRhZy5kaXNwYXRjaCgpOwoJCQkJCX0KCQkJCTwvc2NyaXB0PjwvZGl2PgoK