Prenotare online case vacanza in Gallipoli su atraveo

  • Puglia | Trulli, le case rotonde pugliesi
    A partire da EUR 265

  • Italia | Risparmiate fino al 30%
    A partire da EUR 279

  • Roma |​Migliore località turistica Italia
    A partire da EUR 465

  • Italia | Vacanze con una piscina tutta per sé
    A partire da EUR 457

  • Italia | Quel certo non so che
    A partire da EUR 450

  • Italia | Vacanze in una tenuta agricola
    A partire da EUR 385

  • Roma | Viaggio nella città eterna
    A partire da EUR 490

  • Lido degli Estensi | Migliore località turistica in Italia
    A partire da EUR 172

http://www.atraveo.it/gallipoli
Link da copiare
La sezione della mappa è stata modificata.
Ricaricare automaticamente
Perché non sono visualizzate tutte le offerte? 
map

Vacanze sfaccettate in Italia

Italia | L’Italia conquista soprattutto con le sue sfaccettature: che vogliate dedicarvi alla cultura o alla spiaggia, alla buona cucina o all’attività sportiva, troverete tutto l’anno soluzioni che faranno per voi, dalle cime innevate delle Alpi alle dolci colline della Toscana, dall’assolata Campania fino alla Sicilia subtropicale.

Tra le circa 28.000 proposte abitative per le vacanze che atraveo è in grado di offrirvi in Italia, troverete sicuramente la soluzione che fa per voi. I villeggianti che hanno scelto atraveo apprezzano molto, tra gli altri, la meravigliosa Toscana, la pulsante costa adriatica ed il Lago di Garda. Particolarmente amate risultano anche le isole italiane, la bella Sardegna e la caldissima Sicilia. Gli sportivi invernali prediligono l’Alto Adige, attirati in estate dalle sommità e dalle valli delle Alpi e delle Dolomiti, perfette per fare escursioni a piedi o in mountain bike e per arrampicarsi, e stregati durante l’inverno dalle numerose piste da sci e dai declivi ricoperti di neve.

Ulteriori suggerimenti per la vostra ricerca di una casa vacanze in Italia: la soleggiata Campania, la bella Calabria, la scintillante riviera italiana della costa Ligure ed i restanti laghi dell’Italia settentrionale, come il Lago Maggiore o Lago di Como. Troverete informazioni aggiuntive tra i commenti riguardanti l’Italia all’interno del nostro blog.
 

Recensioni dei nostri clienti

4,3 su 5 (29 Recensioni del cliente)
1 Le case vacanze in Gallipoli sono state recensite da 29 clienti con una media di 4,3 su 5 casette.

Recensioni della località

Recensione complessiva su Gallipoli

4,4 su 5 (38 Recensioni del cliente)
Recensire questa località

Alcuni clienti di case vacanza hanno scritto questo su Gallipoli 

  • 4,0 su 5
    Un cliente atraveo ha recensito come segue
    il 06/06/2016, periodo del viaggio: maggio 2016

    consigliabile

    Questa recensione sulla località è stata espressa sulla sistemazione Nr. 1008209.

  • 4,0 su 5
    Cliente atraveo Gabriella S. ha scritto
    in data 27/02/2016

    «A Baia Verde non ci sono molti supermercati e i pochi che ci sono sono cari.
    è tutto vicino, supermercati, spiaggia, locali notturni, bar ecc..
    I servizi di navetta/taxi per spostarsi, soprattutto dall'appartamento ai locali sono molto efficaci e organizzati.»

    Questa recensione sulla località è stata espressa sulla sistemazione Nr. 864209.

  • 4,0 su 5
    Un cliente atraveo ha scritto
    in data 28/10/2015, periodo del viaggio: settembre 2015

    «Gallipoli è una bella città, che offre qualcosa per ogni esigenza. Siamo stati la sesta volta che c'è, sempre utilizzato con 3 bambini. In bassa stagione non è il grande "hype" stile di vita italiano nelle città vecchie e nuove.»

    Questa recensione sulla località è stata espressa sulla sistemazione Nr. 948867. La recensione della località è stata tradotta automaticamente dal tedesco. Torna alla lingua originale

  • 4,0 su 5
    Un cliente atraveo ha scritto
    in data 19/10/2015, periodo del viaggio: settembre 2015

    «La posizione è centrale per il sito e il mare è raggiungibile tramite brevi distanze. Il prossimo grande posto (Gallipoli) con le viste molte, bar, ristoranti e altri Treffpunkt- e negozi è di circa 5-10 minuti. Auto. Localmente (in Torre Suda), ci sono anche opportunità per godersi la serata, cena, ecc e se non lo fai / località prende il primo negozio a disposizione, anche poco costoso.»

    Questa recensione sulla località è stata espressa sulla sistemazione Nr. 932838. La recensione della località è stata tradotta automaticamente dal tedesco. Torna alla lingua originale

  • 4,0 su 5
    Un cliente atraveo ha scritto
    in data 13/10/2015

    «Non lontano dal romantico centro storico di Gallipoli, negozi e ristoranti abbondano, i prezzi leggermente superiori rispetto allo standard in Puglia, un parcheggio gratuito in strada possibile, con vista sul porto e il lato del centro storico.»

    Questa recensione sulla località è stata espressa sulla sistemazione Nr. 459068. La recensione della località è stata tradotta automaticamente dal tedesco. Torna alla lingua originale


Alcuni locatori di case vacanza hanno scritto questo Gallipoli

La posizione strategica permette di raggiungere il lido in due minuti a piedi (200 m) e il centro città in 5 minuti.
A pochi passi vi è il lungomare ideale per passeggiate e per godersi il panorama.
Nell'arco di pochi metri supermercato, edicola, farmacia, fruttivendolo, tabacchi.
Zona ben fornita.
Possibilità ...
mostrare di più
di parcheggio libero
mostrare meno
fonte: Casto
Il Tavoliere di Lecce e le Serre Salentine caratterizzano questa provincia, che costituisce la punta estrema d’Italia, con 97 comuni e una costa ricca e frastagliata che spazia dal mar Ionio al mar Adriatico. Questo territorio particolarmente attivo e produttivo, è noto per le vaste distese di uliveti e di ...
mostrare di più
vigneti, oltre che per le innumerevoli riserve naturali. Particolarmente interessanti in quest’area sono i monumenti artistici ed i siti archeologici, memoria degli antichi Messapi, delle civiltà greca e romana e dei bizantini, con i quali Otranto acquisì particolare rilievo. Le varie dominazioni susseguitesi hanno arricchito e abbellito tutti i centri urbani della provincia, lasciandoci oggi splendide tracce quali, per esempio, castelli, torri costiere, chiese e cattedrali. Nelle vaste campagne è, inoltre, possibile ammirare i dolmen e menhir, presenze ancora intatte di antichi insediamenti umani.
mostrare meno
fonte: Arnaldi
Il territorio del comune di Gallipoli occupa una superficie di 40,35 km², si affaccia sul mare Ionio con un litorale di circa 20 km comprendente anche le località di Punta Pizzo, Baia Verde, Rivabella e Lido Conchiglie. Il centro urbano è composto dalla città vecchia, posta su un'isola calcarea collegata ...
mostrare di più
alla terraferma con un ponte seicentesco, e dal borgo, che accoglie la parte più moderna della città. Il territorio confina a nord con il comune di Sannicola, a est con i comuni di Alezio e Matino, a sud con il comune di Taviano e a ovest con il mare Ionio.

Nel comune di Gallipoli ricade il parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo istituito con legge regionale n. 20 del 10 luglio 2006
mostrare meno
fonte: Giuranna
Bellissima e rinomata cittadina sulla costa del mar Jonio.
fonte: Ardito
La spiaggia vicino a casa è di sabbia, con un mare trasparente stile caraibico. La baia, si estende per 5 km di spiagge sabbiose fino alla riserva naturale Punta Pizzo. A pochi minuti d'auto a nord c'è anche Porto Selvaggio, un altro parco naturale interessante.
fonte: Tenuzzo
A solo 300 mt. dal mare (scogliera bassa e piatta) è situata nella suggestiva macchia mediterranea del Salento e si trova a pochi minuti dalla rinomata spiaggia del Lido Pizzo oasi naturale con sabbia. La posizione consente di raggiungere in pochi minuti d'auto le località turistiche del Salento come Gallipoli, ...
mostrare di più
Otranto o Santa Maria di Leuca.

E' vicinissima inoltre alla spiaggia Punta della Suina di Gallipoli.

Nelle vicinanze negozi di ogni genere, centro sportivo con campi da tennis, calcetto, parco giochi per bambini, ristoranti dove gustare i prelibati piatti locali, spazi sistemati al verde, farmacia e pronto soccorso.
mostrare meno
fonte: Loving Salento Tour Operator SRL
Gallipoli, bagnata dal Mar Ionio, sorge sulla costa occidentale della penisola Salentina, nel Golfo di Taranto. Caratteristica è la divisione della cittadina in due zone ben definite: la "città vecchia" e il "borgo nuovo". Il suggestivo centro storico, ricco di costruzioni antiche e affreschi, sorge su di un'isola calcarea collegata ...
mostrare di più
alla terraferma da un ponte in muratura. Intorno al millecinquecento si costruiscono le possenti mura di cinta, per fronteggiare gli attacchi nemici, ridimensionate in altezza, alla fine dell'Ottocento, fino all'attuale strada panoramica che, circondando l'intero isolotto, consente di godere di fantastici scenari (resta delle antiche mura un unico frammento ancora oggi in buono stato). Guardando verso nord si scorge una parte della costa neretina, mentre a sud è ben visibile la baia formata dal promontorio del Pizzo. Nei pressi della costa, ad ovest, incontriamo lo Scoglio dei Piccioni, l'isolotto del Campo ed in giornate particolarmente limpide si scorgono i profili dei monti della Sila, mentre a sud-ovest appare chiara l'isola di Sant'Andrea, sede di un grande faro, costruito nel milleottocentosessantasei. Attraversando il ponte, immediatamente incontriamo l'ultimo baluardo di un passato antico, la fontana greco-romana, più antica d'Italia. Si entra nel "borgo nuovo"dove inaugura drasticamente il passaggio alla modernità il "Grattacielo" sito all'imbocco del Corso Roma, via nevralgica che divide la città nuova in due tronconi, detti di "scirocco" e "tramontana". Le moderne costruzioni hanno in molta parte sostituito i palazzi costruiti tra la fine dell'ottocento e gli inizi del 'novecento. Il complesso appare completamente opposto alla città vecchia, svariati sono i negozi e le strutture turistiche pronte ad accogliere le circa duecentomila presenze dei mesi estivi. Certo è che Gallipoli, negli ultimi decenni, ha conosciuto una notevole espansione edilizia e oggi può essere considerata uno dei più fiorenti centri salentini oltre che ambita meta turistica, ma non ha perso la sua carica suggestiva data soprattutto da incantevoli panorami e le immagini (in alto) ne sono testimonianza.
La città vecchia ha sostanzialmente conservato immutato il suo impianto urbanistico.
Ha caratteristiche di straordinario interesse; è un continuo sovrapporsi di strutture edilizie di varie epoche e di diverse matrici culturali.
Ha vie strette e tortuose, un intrico di strade, secondo una tipologia che s'incontra nel mondo islamico; tale impianto vario si fa risalire alla prima metà del novecentod. C., periodo in cui la città fu conquistata dai Saraceni, che la dominarono per circa trenta anni.Una strada principale, Via Antonietta De Pace, la divide in due zone, lungo la direzione est - ovest, (scirocco e tramontana) secondo una pianificazione classica delle città greche.
L'isola è interamente circondata da una cinta bastionata, che si sviluppa per una lunghezza di circa un chilometro e mezzo; dopo l'eccidio di Otranto da parte dei Turchi (millequattrocentoottanta) e la prima metà del secolo successivo, la città infatti si operò alla costruzione di strutture difensive atte a fronteggiare i continui attacchi di nemici. Di questa cinta bastionata, che aveva il suo fulcro nel Castello, resta oggi la sola parte bassa, essendo stata demolita fino al livello stradale tra il milleottocentosettantanove e il milleottocentoottantasette. Una strada panoramica, la Riviera, aperta sul posto delle antiche mura, consente di passeggiare attorno all'isola, godendo di scenari entusiasmanti."


Le principali aree di interesse storico, artistico e religioso manifestano uno strumento per la valorizzazione del patrimonio culturale, testimonianza della civiltà e della cultura che hanno segnato nei secoli la storia della città di Gallipoli.
Esse sono :
1 ) Teatro Garibaldi
Il Teatro Comunale di Gallipoli è stato costruito a proprie spese, come teatro di pianta, nel milleottocentoventicinque dal nobile Bonaventura Balsamo, che lo intitolò “Teatro del Giglio” in omaggio al casato borbonico.
E’ sito in loco Sant’Agata, su un’area di pertinenza di Palazzo Balsamo, sul principale asse viario della città. A seguito del tracollo economico della famiglia Balsamo, il teatro fu acquisito nel milleottocentoottantaquattro dal Comune che affidò il progetto di restauro all’ingegnere Oronzo Bernardini di Lecce. L’interno fu completamente rinnovato: fu data particolare attenzione all’arredamento e alle decorazioni; i prospetti dei palchi furono arricchiti di stucchi dorati e i palchetti completamente tappezzati in damasco. I lavori di intaglio furono affidati ai gallipolini Salvatore Buccarella, Luigi Epifani e Francesco Nocera mentre le dorature furono affidate al napoletano Tuvolo e le decorazioni pittoriche al bravissimo Melchiorre Zalardi. Nel 1879 il Teatro fu intitolato a Giuseppe Garibaldi. Di recente l’immobile è stato completamente restaurato.
2 ) Cattedrale di Sant'Agata
La cattedrale di S. Agata, costruita dal milleseicentosessantasei al milleseicentonovantasei, nel punto più alto dell’isola, lungo il principale asse viario, è il monumento più rappresentativo del barocco gallipolino, L’esecuzione dell’ordine inferiore della facciata è opera di Scipione Lachibari e Francesco Bischetimi mentre con ogni probabilità i disegni per le decorazioni furono forniti da Giovanni Bernardino Genuino.
Realizzata in carparo, presenta nicchie classicheggianti occupate dalle statue di San Sebastiano e San Fausto, compatroni della città e sopra il portale di Sant’Agata. Nell’ordine superiore trovano posto le statue di Santa Marina e Santa Teresa d’Avila. Sulle volute sono i busti dei Santi Agostino e Giovanni Crisostomo a cui un tempo la chiesa era dedicata. L’ordine superiore, importante testimonianza della diffusione del linguaggio zimbalesco, è separato dall’ordine inferiore mediante una trabeazione con andamento «a greca».L' interno, a croce latina si presenta, a tre navate scandite da colonne doriche. La pittura riveste un ruolo importante sia con le grandi tele del pittore Giovanni Andrea Coppola (1597-1659) (Anime del Purgatorio, S. Giorgio, I Miracoli di S. Francesco di Paola, l’Adorazione dei Magi, l’Assunta, il Martirio di S.Agata, la Vergine e i Santi Nicola e Oronzo) sia con le tele del pittore giordanesco Nicola Malinconico (1663-1727) di cui in controfacciata la Cacciata dei mercanti dal Tempio. Sulle pareti e sulle volte del coro altri episodi del Vecchio e del Nuovo Testamento e nel transetto le grandi pale d’altare come il Martirio di San Sebastiano. Di notevole rilevanza sono inoltre l’altare maggiore in preziosi marmi policromi e il coro ligneo e il pergamo intagliati di Giorgio Aver.
3 ) Biblioteca Comunale ed Archivio Storico
La Biblioteca di Gallipoli è una delle Biblioteche pubbliche più antiche del territorio salentino per la provenienza, per la varietà, la datazione dei volumi rari e di pregio nonché per la peculiarità d’origine del suo contenitore (ex Oratorio dei nobili del XVIII secolo).
Nel 1823 il canonico e decano capitolare Carmine Fontò (1754 -1825) mediante un pubblico atto volle donare la sua biblioteca, ricca di circa tremila volumi, alla città ionica che aveva alle spalle una più che millenaria tradizione culturale. Un’altra consistente donazione è stata poi quella fatta da Bartolomeo Ravenna (1761 – 1826), la cui biblioteca privata era costituita da opere storiche, scientifiche, letterarie ed artistiche. Nel 1987 parte di questo patrimonio librario è stata trasferita nell’attuale sede di via S. Angelo dal Museo dove, invece, restano custoditi moltissimi volumi. Sempre nella sede di S.Angelo hanno trovato sistemazione tutti i testi che riguardano la storia, la cultura, l’economia di Gallipoli, gli incunaboli, i manoscritti, le cinquecentine e le seicentine pervenute dalla soppressione dei monasteri dei Domenicani, dei Cappuccini e dei Riformati e i fondi Ettore Vernole, Sebastiano Natali e Giuseppe Duma. Tra i manoscritti è interessante citare La voce degli olii 1789 – 1821, manoscritto cartaceo contenente documenti ed atti della voce degli olii, il Libro Rosso di Gallipoli I, comprendente i privilegi reali alla città e il Libro Rosso II, copie di diplomi reali e di bolle pontificie a favore di Gallipoli. La Biblioteca Comunale è un importante punto di riferimento per la conoscenza della cultura salentina oltre che sede di un vasto patrimonio librario. Promuove numerose iniziative culturali: cicli di conferenze, presentazioni di volumi, convegni e mostre. L’Archivio Storico del Comune di Gallipoli conserva i documenti prodotti e ricevuti dall’Amministrazione locale gallipolina dai primi del 1800 al 1970. La documentazione precedente al 1800 è conservata presso l’Archivio di Stato di Lecce. E’ diviso in tre sezioni: Preunitario, Postunitario e Archivio dello Stato Civile. Nel tempo si sono aggiunti i fondi archivistici di enti soppressi o ricevuti dal Comune in deposito, denominati archivi aggregati e riguardano l’Archivio di Conciliazione, l’Archivio del Catasto e il Villaggio del Fanciullo. I documenti più pregiati riguardano le deliberazioni del decurionato, il catasto antico, le pratiche riguardanti il territorio e il patrimonio, congreghe e confraternite, dazio, P.N.F., pratiche di guerra, strade, l’illuminazione pubblica, l’acquedotto e fontana pubblica, l’orologio pubblico, le poste, la ferrovia, i restauri del Convento dei Domenicani, la Biblioteca e Museo, la Tonnara Comunale, il mercato del pesce e mercato coperto, il porto, ecc. L’Archivio è ubicato presso la sede della Biblioteca Comunale, in via S. Angelo. L’Archivio storico attualmente è in fase di riordino.
La fine dei lavori è prevista per dicembre 2009.
L’edificio (ex Oratorio dei nobili del XVIII secolo)
L’Oratorio dell’Immacolata dei Nobili risale alla seconda metà del XVIII secolo (1732).
La facciata semplice con ampia scalinata a doppia rampa (1789-1790). Nel piano inferiore la Chiesa di Sant’Angelo (XV secolo) oggi sede dell’Archivio storico Comunale.
L’interno ad unica navata è completamente rivestito di stucchi alle pareti con sei riquadri ovali in cui si inserivano le figure a rilievo a mezzo busto ricoperte da uno strato di cartapesta tutte ad opera di Mauro Manieri (1687-1744) e quatto nicchie con statue lignee di Re biblici e profeti.
Gran parte dell’arredo della chiesa è stato trasferito nella Chiesa di S. Francesco d’Assisi mentre la tela raffigurante l’Immacolata con una pregevole cornice lignea e l’Assunta dipinta per il controsoffitto da Francescano De Mura (1737) sono oggi conservate nel Museo Diocesano di Gallipoli.
4) Chiesa di Santa Maria della Purità
La chiesa, affacciata sulla Riviera Cristoforo Colombo, fu edificata nel 1664 quale oratorio della corporazione degli scaricatori di porto al tempo del vescovo spagnolo Giovanni Montoja de Cardona. La facciata, ad intonaco, è delimitata lateralmente da due lesene di carparo a vista che sono raccordate in alto da un cornicione sul quale poggia un fastigio mistilineo con due pinnacoli laterali. Al centro tre riquadri decorativi in maiolica raffiguranti la Madonna della Purità, San Giuseppe e San Francesco d’Assisi risalenti al XIX secolo. L’interno, a navata unica è totalmente rivestito da dipinti. Sulle pareti laterali sono adossati gli stalli lignei preziosamente decorati. Il pavimento è in mattonelle maiolicate. Le tele del XVIII che ricoprono l’interno della chiesa sono in gran parte opera del pittore Liborio Riccio da Muro. Sull’altare marmoreo è collocata la tela che raffigura la Madonna tra San Giuseppe e San Francesco d’Assisi di Luca Giordano (1664-65).
La chiesa dopo quattro anni di lavori di restauro, iniziati nel 2005, è stata riaperta alla fruizione il 29 maggio 2009.
4 ) La Fontana Greco Romana
L'antica fontana di Gallipoli è un monumento noto oltreché per la bellezza, anche per le complesse vicende storico-artistiche che intorno ad essa ruotano. L'affascinante opera che oggi si ammira, è il frutto di più interventi che ne hanno modificato il primitivo aspetto aggiungendo alla facciata più antica esposta a sud, una controfacciata di epoca settecentesca. Ricorrente il numero “tre”: difatti il vecchio prospetto mostra sopra la vasca di raccolta cinque sbocchi d'acqua, tre dei quali si trovano all'altezza di tre vasche scolpite e rette ognuna da tre putti; poco più in alto si vedono tre altorilievi raffiguranti tre storie tratte dalla mitologia classica, commentate da tre iscrizioni in latino non perfettamente leggibili, incise una su ogni episodio.
5 ) Il Castello
La Puglia è la regione più orientale d'ltalia, lo sperone della penisola disteso nel cuore del Mare Mediterraneo che fu dei Fenici, dei Cartaginesi, dei Greci e dei Romani. Un estremo baluardo a difesa del continente europeo o un lembo di colline e di spiagge indifendibili e invitanti per l'approdo di popoli invasori? La vicenda di questa regione e dei suoi mari, l'Adriatico e lo Jonio, è stata sempre confinata all'interno di questo dilemma. Da una parte, più di ottocento chilometri di coste ne fanno un luogo ideale per lo sbarco militare (o clandestino), dall'altra, il concentrarsi di arterie viarie di prim'ordine e di tante rotte per I'Asia e per i paesi arabi ne fanno una area di enorme importanza strategica, un corridoio di traffici da proteggere ad ogni costo. Cosi protesa verso il mare, così esposta alle dominazioni, così ambita per la sua posizione geografica, ma altrettanto aperta ad accogliere e ad assimilare nuove culture, la parte estrema della regione, la penisola salentina, è stata per secoli la porta d'ltalia, un territorio di frontiera, dove le vicende storiche hanno influito pure sull'assetto del tessuto insediativo, che ha sempre dovuto fare i conti con le necessità di difesa e con I'urgenza di sbarrare la strada ai numerosi assalitori. Di qui la presenza di numerose
opere di fortificazioni che fanno della Puglia e più in particolare del Salento una terra di castelli.
Presso i Romani castellum stava generalmente ad indicare piccolo castrum. Si trattava di postazioni militari, fisse o mobili, generalmente costituite da una cinta, con o senza vallum, da un accampamento militare e da un praetoríum. I castelli medioevali sono sorti spesso in luogo dei castra romani, o sulle acropoli delle città per far fronte ad esigenze di difesa sempre mutevoli. La loro struttura mutava al variare delle tecniche e degli strumenti offensivi e delle strategie belliche.
Bizantini, Svevi, Arabi, Normanni, Angioini, Aragonesi: i potenti che calcarono il suolo pugliese si occuparono con interesse ed energia di costruzioni difensive, visto che erano indispensabili per controllare una fascia lambita dalle acque (lunga quasi quanto l'Olanda) e distante dalle grandi città fortificate più a nord. Ma, insieme, innestarono nelle loro costruzioni i propri concetti estetici e, diremmo, filosofici, dando luogo ad una varietà che non è facile riscontrare in altri luoghi.
6 Le Mura Urbiche
Anche chi fosse abituato a vedere lo spettacolo di un maniero, che si erge dal mare, resterebbe comunque affascinato alla vista delle mura del castello di Gallipoli, affacciato sullo Jonio. Esso è quasi completamente circondato dal mare e la costruzione si staglia sul proscenio di una cittadella turrita e fortificata, tutta raccolta in una piccola isola. Un luogo ricco di testimonianze: qui probabilmente terminava la via Traiana con una colonna rimasta eretta fino ai primi decenni del XIX secolo; qui è ancora conservata una splendida fontana rinascimentale. Gallipoli è un centro portuale che guarda il golfo di Taranto, sulla costa occidentale della penisola salentina. E’ costituita da una parte moderna, il Borgo o Città Nuova, a Est su un promontorio, e la Città Vecchia, a Ovest, su un’isola calcarea, collegata alla terraferma da un ponte in muratura. Un tempo l’isola era unita alla terraferma da un istmo sul quale passava la strada d’accesso, l’ingresso avveniva attraverso l’unico passaggio, la Porta Terra. La città vecchia ha sostanzialmente conservato immutato il suo impianto urbanistico; ha caratteristiche di straordinario interesse e un continuo sovrapporsi di strutture edilizie di varie epoche e di diversi matrici culturali. L’isola è interamente circondata da una cinta bastionata, che si sviluppa per una lunghezza di circa due chilometri.
Dopo l’eccidio di Otranto da parte dei Turchi (1480) la città si impegnò nella costruzione di strutture difensive atte a fronteggiare i continui attacchi di eserciti nemici. Di questa cinta bastionata, che aveva il suo fulcro nel castello, resta oggi la sola parte bassa, essendo stata demolita la parte alta fino al livello stradale tra il 1879 e il 1887. Una strada panoramica, la riviera, aperta lungo le antica mura, consente di passeggiare attorno all’isola.

Parco naturale regionale
Isola di S. Andrea e litorale di Punta Pizzo
Il parco naturale regionale “Isola di S. Andrea e litorale di Punta Pizzo” è stato istituito con legge regionale n. 20 del 10 luglio 2006.
L'isola di S. Andrea sorge su una superficie calcarea piatta ad una altezza media di circa 2m s.l.m. Le sue coste rocciose presentano “habitat prioritari” sotto forma di steppe salate di salicornia e dell'endemismo Statice japigica (Limonium japigicum).
Di assoluta rilevanza internazionale è la presenza, unica lungo tutto il versante Adriatico e Ionico d'Italia, di una colonia nidificante del Gabbiano corso (Larus audonii), specie endemica del bacino del Mediterraneo. Il litorale di punta Pizzo comprende ambienti peculiari, che si armonizzano in un interessante mosaico ambientale composto da macchia mediterranea, pseudo-steppe mediterranee, ambienti umidi e acquitrinosi.
Questa estrema varietà di sistemi di ambienti si traduce nella presenza di diverse specie di flora che vanno da quelle della macchia mediterranea alta e bassa (corbezzolo, alaterno, erica arborea - ginestra spinosa, mirto, lentisco dafne, asparago spinoso) a quelle della gariga (rosmarino, timo, lentisco, erica arborea, ginestra spinosa) alla consistente vegetazione erbacea interna (orchidee, tra cui la rarissima orchidea italica, calendule, cardo santo, pratoline ecc.).
Si segnala la presenza di due rarissime leguminose arbustive: l'Anthillis hermanniaie, di cui Punta Pizzo rappresenta l'unica stazione della penisola salentina e l'Anagiride (Anagyris fetida).
In prossimità di aree umide quali il canale Li Foggi e le sue aree attigue di acquitrino si registra la presenza della rara Ipomea sagittata, che la sosta dell'avifauna acquatica durante le migrazioni. Osservazioni recenti hanno rivelato la possibilità di nidificazione del Cavaliere d'Italia.
mostrare meno
fonte: Piro
Gallipoli

Dal greco Kalè Polis (Città bella), definita comunemente “La perla dello Jonio”, Gallipoli nasce come semplice porto della vicina città di Alezio. Col passare dei secoli la città è andata via via espandendosi ed acquisendo una sua indipendenza. Da visitare assolutamente sono la città vecchia, protesa verso il mare, ...
mostrare di più
con i suoi splendidi vicoli e la sua miriade di chiesette, nelle quali ancora oggi i pescatori si raccomandano alla Madonna; il castello Aragonese, proprio il prossimità della città vecchia e del porto, ed il tradizionale mercato del pesce che si svolge tutte le mattine. Per gli amanti della spiaggia, Gallipoli è l’ideale: la sua costa è sabbiosa ed ogni anno si anima di lidi attrezzati consigliati a chi non ama gli scogli.
mostrare meno
fonte: Az. Agr. Tenuta del Morige di Demetrio De Magistris
Gallipoli si trova sulla costa occidentale della penisola salentina. Si divide in due parti: il borgo, o parte nuova della città ed il centro storico costruito su di un’isola di origine calcarea e collegata alla terraferma tramite un ponte ad archi.
Gallipoli fu in passato centro messapico dal nome di ...
mostrare di più
Anxa. In seguito occupato dai romani divenne uno scalo commerciale importantissimo nel commercio della porpora prodotta nella regione.
Rimase a lungo fedele alla cultura greca conservandone abitudini, riti e dialetto: il rito latino, già affermato in tutto il Salento fin dal medioevo sostituì il rito greco a Gallipoli solo nel XVI secolo.
Dopo la caduta dell’impero romano, la città fu saccheggiata dai Barbari, dai Vandali e anche dai Goti che vennero però sconfitti e scacciati dai bizantini. Ad essi seguirono le dominazioni sveva e angioina della quale si trova traccia nella ristrutturazione del vecchio castello bizantino trasformato in fortezza che sarà poi ulteriormente fortificata dagli spagnoli durante la loro dominazione.
La parte antica dell’attuale Gallipoli, fortificata da mura, torri e bastioni fu oggetto di vari assedi dei quali si ricordano quello del 1484 ad opera dei veneziani e quello operato dai francesi nel 1528.
da non perdere
Da non perdere il centro storico arroccato sull’isola. La piccola isola ha una circonferenza di un chilometro e mezzo ed è caratterizzata da un insieme di vicoli e piccole strade che si incrociano tra di loro. Le mura, i bastioni e le torri, che un tempo proteggevano la città dagli invasori, oggi la riparano dalle mareggiate e le donano un fascino unico, che trasporta i visitatori in tempi lontani.
La cattedrale di Gallipoli, in stile barocco, presenta pitture e fregi interni di particolare interesse. Nelle vicinanze del ponte si può ammirare la fontana ellenistica, un tempo erroneamente datata come la fontana più antica d’Italia, ricca di bassorilievi ispirati alla mitologia greca. Di fronte alla fontana si può visitare il santuario della Madonna del Canneto con il suo interessante soffitto datato XVIII secolo.
Meta turistica anche per gli amanti del mare, la città è adatta a ricevere le famiglie grazie alle spiagge con sabbia fine come quella di Lido San Giovanni e si può consigliare agli amanti del diving e della pesca subacquea.
da visitare

* Cattedrale di Sant'Agata
* Castello di Gallipoli
* Isola di Sant’Andrea e Litorale di Punta Pizzo
* Chiesa Santa Maria degli Angeli
* Palazzo Balsamo

mostrare meno
fonte: Mercurio

Foto della località

Elenco:
  • Nr. sistemazione 985505
    dal EUR 622
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 6 persone

    Ca. 80 m², 2 Camere da letto, 2 Bagni, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV satellitare, Accesso internet, Lavatrice, Spiaggia ca. 3,2 km, Mare ca. 50 m, ,
  • Nr. sistemazione 459068
    dal EUR 350
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 6 persone

    Ca. 80 m², 1 Camera da letto, 1 Bagno, Non sono ammessi animali domestici, TV, Lavatrice, Spiaggia ca. 1 km, Mare ca. 10 m,
    4,8 su 5
    10 Recensioni del cliente
  • Nr. sistemazione 969468
    dal EUR 662
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 5 persone

    Ca. 70 m², 2 Camere da letto, 1 Bagno, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV, Lavatrice, Spiaggia ca. 1 km,
  • Nr. sistemazione 1192217
    dal EUR 1.028
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 6 persone

    Ca. 110 m², 3 Camere da letto, 4 Bagni, Non sono ammessi animali domestici, TV, Lavatrice, Lavastoviglie, Mare ca. 100 m
  • Nr. sistemazione 961240
    dal EUR 678
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 7 persone

    Ca. 80 m², 2 Camere da letto, 1 Bagno, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV satellitare, Lavatrice, Spiaggia ca. 850 m, Mare ca. 110 m
  • Nr. sistemazione 961242
    dal EUR 550
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 5 persone

    Ca. 55 m², 1 Camera da letto, 1 Bagno, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV satellitare, Lavatrice, Spiaggia ca. 850 m, Mare ca. 110 m
  • Nr. sistemazione 1144449
    dal EUR 840
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Villa per max. 2 persone

    Ca. 22 m², 1 Camera da letto, 1 Bagno, Non sono ammessi animali domestici, TV, Accesso internet, Internet senza fili, Mare ca. 2,5 km,
  • Nr. sistemazione 999008
    dal EUR 1.277
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 8 persone

    Ca. 80 m², 3 Camere da letto, 2 Bagni, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV, Lavatrice, Lavastoviglie, Spiaggia ca. 250 m
  • Nr. sistemazione 1137553
    dal EUR 1.413
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 6 persone

    Ca. 80 m², 2 Camere da letto, 1 Bagno, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV, Lavatrice, Spiaggia di sabbia ca. 350 m, Mare ca. 300 m
  • Nr. sistemazione 1192145
    dal EUR 715
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 8 persone

    3 Camere da letto, 2 Bagni, Non sono ammessi animali domestici, Lavatrice
  • Nr. sistemazione 864205
    dal EUR 350
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 2 persone

    Ca. 45 m², 1 Camera da letto, 1 Bagno, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV, Lavatrice, Mare ca. 150 m
  • Nr. sistemazione 864210
    dal EUR 350
    per 1 settimana

    Gallipoli, Puglia (Provincia di Lecce)

    Appartamento per max. 2 persone

    Ca. 65 m², 1 Camera da letto, 1 Bagno, Sono ammessi animali domestici (su richiesta), TV, Lavatrice, Mare ca. 250 m
CgoJCQkJPGltZyBoZWlnaHQ9IjEiIHdpZHRoPSIxIiBzdHlsZT0iYm9yZGVyLXN0eWxlOm5vbmU7IiBhbHQ9IiIgc3JjPSIvL2dvb2dsZWFkcy5nLmRvdWJsZWNsaWNrLm5ldC9wYWdlYWQvdmlld3Rocm91Z2hjb252ZXJzaW9uLzEwMzgzOTQxNTcvP3ZhbHVlPTAmYW1wO2d1aWQ9T04mYW1wO3NjcmlwdD0wJmRhdGE9cGFnZUlkJTNEc2VhcmNoUmVzdWx0cyUzQnRyYXZlbENvdW50cnlJZCUzRElUJTNCbGFuZ3VhZ2UlM0RpdCIgLz4KCgkJCQk8c2NyaXB0IHR5cGU9InRleHQvamF2YXNjcmlwdCI+CgkJCQkJaWYgKHR5cGVvZiBBVEl0YWcgIT0gJ3VuZGVmaW5lZCcpIHsKCQkJCQkJQVRJdGFnLnBhZ2Uuc2V0KHsibmFtZSI6InNlYXJjaFJlc3VsdHMiLCJsZXZlbDIiOjh9KTsKCQkJCQkJQVRJdGFnLmRpc3BhdGNoKCk7CgkJCQkJfQoJCQkJPC9zY3JpcHQ+